Archivi categoria: Lavaggio

Un lavello in acciaio inox per ogni esigenza

Un lavello in acciaio inox per ogni esigenza

Lavelli in acciaio inox

I lavelli in acciaio inox

All’interno di una cucina professionale, uno dei componenti d’arredo di base è costituito dal lavello; è opportuno, di conseguenza, scegliere un lavello realizzato con materiali di qualità come l’acciaio inox. I rivenditori di prodotti per cucine professionali mettono a disposizione un lavello in acciaio inox per ogni esigenza; è possibile scegliere tra lavelli su gambe quadre, lavelli su gambe tonde, lavelli armadiati, lavamani: questi lavelli, inoltre, sono disponibili in versioni diverse per quanto riguarda le dimensioni e le caratteristiche specifiche.

Le caratteristiche dei lavelli in acciaio inox

Una prima distinzione tra tutti i lavelli in acciaio inox può essere fatta tra i lavelli a una vasca e i lavelli a due vasche: la scelta dipende essenzialmente dalle specifiche necessità della cucina professionale. Questi lavelli vengono realizzati secondo norme igieniche standard e risultano essere estremamente facili da pulire. Generalmente, i lavelli in acciaio inox dispongono di un gocciolatoio sul quale riporre le stoviglie dopo il lavaggio; in alcuni casi, inoltre, il lavello include un vano lavastoviglie che può essere sfruttato per l’inserimento di questo utile macchinario per cucine professionali. La maggior parte dei lavelli in acciaio inox può essere personalizzata, ad esempio regolando l’altezza dei piedini o richiedendo la predisposizione di un foro per il rubinetto.

Particolari lavelli in acciaio inox

I lavelli armadiati e i lavamani rappresentano due particolari modelli di lavelli in acciaio inox che possono risultare molto utili in una cucina professionale. I lavelli armadiati sono sostanzialmente analoghi ai comuni lavelli in acciaio inox ma includono una o più ante con chiusura a battente che consentono di ricavare un ripostiglio al di sotto del lavello stesso. I lavamani, invece, sono un componente d’arredo indispensabile che consente di lavarsi le mani in qualsiasi momento mentre si cucina; questi lavelli hanno un rubinetto incluso e un pratico erogatore a ginocchio.

Come donare nuova luminosità al lavello in acciaio inox? Con la farina!

Come donare nuova luminosità al lavello in acciaio inox? Con la farina!

Come donare nuova luminosità al lavello in acciaio inox? Con la farina!

Il lavello in acciaio inox

L’acciaio inox è un materiale molto apprezzato perché ha una altissima resistenza all’usura, agli urti e garantisce la massima igiene. Proprio per questi indubbi vantaggi è utilizzato per la produzione di mobili per le cucine professionali, ma i lavelli in acciaio inox entrano anche nelle normali cucine di casa dove per anni e anni svolgono perfettamente il loro lavoro.
A voler essere puntigliosi però, un difetto lo presentano anche i lavelli in acciaio, un difetto assolutamente rimediabile e che riguarda la loro brillantezza. Con l’acqua, infatti, l’acciaio tende a opacizzarsi, soprattutto se è presente un’alta percentuale di calcare, ma si può ovviare a questo inconveniente con dei rimedi assolutamente naturali.

La pulizia del lavello in acciaio inox

Innanzitutto, è necessario sapere che l’uso di alcuni detersivi finisce per rovinare irrimediabilmente la brillantezza dell’inox, perciò, per la sua pulizia, si devono assolutamente evitare detergenti troppo aggressivi e quelli a base di candeggina. Sostanzialmente il miglior detersivo è la classica acqua e sapone con la quale lavare tutta la superficie e, dopo un accurato risciacquo, non resta che uno straccio morbido e asciugare bene. Se l’acqua è particolarmente dura, tale trattamento andrebbe ripetuto tutte le volte che si utilizza il lavello per impedirgli di diventare opaco o, perlomeno, sarebbe necessario rimuovere tutte le gocce presenti.

Una nuova luminosità al lavello con la farina

Per quanto ci si adoperi nella pulizia quotidiana, inevitabilmente si vedrà lentamente formarsi una lieve patina opaca e l’unico modo per eliminarla e per rendere il lavello brillante come fosse nuovo, è quello di far ricorso alla farina. Si tratta di un’operazione velocissima, ma molto efficace. Basta cospargere un velo di farina su tutta la superficie e rimuoverla poi con uno straccio morbido, dopo un veloce risciacquo il lavello risplenderà.

Come eliminare ruggine e calcare dai lavelli in acciaio inox col limone?

Come eliminare ruggine e calcare dai lavelli in acciaio inox col limone? I lavelli di acciaio inox

Pulire ruggine dal lavello

L’acciaio inox presenta caratteristiche che lo rendono ideale per la realizzazione dei lavelli. Al contrario della ceramica non si scheggia resistendo molto bene agli urti, inoltre è un materiale molto sicuro anche dal punto di vista dell’igiene. Tra i vantaggi, figura anche quello di poterlo pulire con facilità, tuttavia si deve prestare molta attenzione ai prodotti che si utilizzano. I detergenti troppo aggressivi possono intaccare la sua lucentezza e renderlo opaco e vanno evitati anche la candeggina e i vari prodotti che la contengono, anche se in minima percentuale.

Come pulire i lavelli in acciaio

Per non sbagliare e, nello stesso tempo, non aggredire l’acciaio con prodotti della cui composizione non si è certi, si può ottenere una pulizia perfetta del lavello e di altri arredi in acciaio utilizzando prodotti naturali, come acqua e sapone, l’aceto bianco o il bicarbonato.
Con acqua e sapone si lavano le superfici, oppure si può utilizzare del bicarbonato come fosse un normale detersivo, quindi non restano che il risciacquo e l’asciugatura, da farsi con un panno morbido per non formare antipatiche striature. Spesso però l’acciaio tende a divenire opaco, soprattutto in presenza di acqua dura, ma si può lucidare il lavello passando semplicemente uno straccio asciutto sul quale si è versato un poco di aceto.

Un problema dei lavelli: le macchie di ruggine e di calcare

L’acciaio è una lega che si ottiene dal ferro e, seppure sia inossidabile e quindi trattato per non divenire ruggine, può capitare che si formino delle antiestetiche macchie di ruggine, quando lo strato superficiale è stato rovinato per l’uso di detersivi inadatti o nel caso di un’acqua contenente un’altissima percentuale di calcare. In questo caso si può rimediare con del semplice succo di limone, che esercita una lievissima azione abrasiva in grado di eliminare la ruggine. Il succo di limone va passato sulla superficie aiutandosi con un panno morbido, quindi si deve risciacquare con acqua tiepida e infine procedere all’asciugatura.