Archivi categoria: Forni a convezione

Quali sono i migliori forni elettrici per pasticceria?

Quali sono i migliori forni elettrici per pasticceria?

Forni per pasticceria

Quali sono i migliori forni elettrici per pasticceria?

La qualità della cucina non dipende esclusivamente dalla bravura del cuoco o del pasticcere, ma è influenzata anche dai macchinari che si utilizzano e, in particolar modo, dal forno. Per questa ragione, chi gestisce un’attività di ristorazione deve valutare quali siano i migliori forni da utilizzare all’interno del proprio locale; i migliori forni elettrici per pasticceria, ad esempio, devono presentare una serie di caratteristiche, che vanno dalla capienza alla possibilità di impostare programmi diversi a seconda del dolce che si vuole cuocere.

Le caratteristiche dei forni elettrici per pasticceria

I migliori forni elettrici per pasticceria sono a convezione di vapore e hanno una camera di cottura ampia, in grado di ospitare dalle 4 alle 16 teglie. Questi forni sono realizzati con materiali di ottima qualità, quali l’acciaio inox e la fibra di carbonio; all’interno del forno, inoltre, sono presenti lampade alogene. L’estrazione del vapore dal forno avviene in maniera automatica, inoltre la presenza dei doppi vetri riduce al minimo l’emissione di calore e l’irraggiamento esterno. I migliori forni per pasticceria mettono a disposizione più di dieci programmi diversi e consentono di scegliere il tipo di cottura: convezione, cottura a vapore, misto.

Programmi speciali dei forni elettrici per pasticceria

I migliori forni elettrici per pasticceria includono una serie di sistemi all’avanguardia come il pannello di controllo touch screen dal quale si possono selezionare i programmi di cottura o personalizzare i vari parametri, dal tempo alla temperatura. I migliori forni per pasticceria, infatti, consentono di scegliere in base alle esigenze del momento tra una modalità manuale e una modalità programmata; i pasticceri più esperti, invece, possono memorizzare i propri programmi di cottura personalizzati o inserirne di nuovi tramite chiavetta USB. I migliori forni elettrici per pasticceria, infine, integrano una funzione di autolavaggio automatizzato che può essere programmata in anticipo.

Cosa sono e come funzionano i forni a convezione?

Cosa sono e come funzionano i forni a convezione?

Cosa sono e come funzionano i forni a convezione?

I forni a convezione

La cottura per convezione è quella che si realizza attraverso l’aria calda e viene effettuata in forno.
Si tratta di un metodo che richiede tempi più lunghi rispetto alla normale cottura in pentola, ma è una metodologia molto diffusa perché consente di utilizzare meno grassi e di formare una gratinatura quanto mai gradevole al gusto. Per accelerare i tempi di cottura in forno sono stati messi a punto i forni a convezione, in cui l’aria calda viene fatta circolare più velocemente e ciò consente di cucinare i cibi regolando il termostato a temperature lievemente inferiori. Proprio per la loro efficienza, i forni a convezione stano ormai soppiantando quelli tradizionali e sono quelli che normalmente vengono adottati nelle cucine professionali.

I forni professionali

I forni delle cucine professionali devono poter accogliere diverse teglie e quindi sono forniti di 3 o 4 ripiani, ma uno degli svantaggi di tale conformazione sta nel fatto che i cibi posti sui ripiani più bassi cuociono prima e tendono a seccare. Con il forno a convezione tale difetto si manifesta solo in lievemente perché l’aria calda viene fatta circolare dalle ventole e quindi assicura una cottura più uniforme, tuttavia, i costruttori, sensibili alle esigenze della ristorazione, di norma realizzano piastre in materiali che non lasciano passare l’aria calda da un ripiano all’altro.

I vantaggi dei forni a convezione

Se a casa una cottura più veloce consente di risparmiare tempo ed energia, tale caratteristica dei forni a convezione è ancor più apprezzata nelle cucine di mense e ristoranti, dove l’uso del forno è basilare per moltissimi piatti. Il risparmio nei termini di tempo fa sì che si possa servire con soddisfazione un maggior numero di clienti, inoltre ciò comporta anche minori costi sulle bollette, minori costi che derivano anche dal fatto che la temperatura di cottura è inferiore di circa 30°.